background img
banner
banner

Intervista a Lucia Corrado

Il corpo ferito - Valletta Edizioni

Lucia Corrado - Il corpo ferito - Valletta Edizioni Ciao Lucia, parlaci un po’ di te. Cosa fai nella vita?

Insegno storia e filosofia nella scuola secondaria di II grado come supplente. Collaboro con la rivista ‘Schola Salernitana’ nella stesura di articoli concernenti l’ambito della filosofia medievale.

Quali sono le tue letture preferite? Il libro sul tuo comodino in questi giorni?
Adoro in particolare Milan Kundera e Thomas Mann. Ultimamente sto dedicandomi alla lettura di Italo Calvino, Se una notte d’inverno un viaggiatore; il suo stile, frizzante ed aulico a un tempo, mi sta affascinando non poco. In generale prediligo quei testi in cui letteratura, poesia e filosofia si fondono.

“Il corpo ferito” è il tuo primo romanzo. Da dove nasce l’idea del libro?

L’idea del libro si è formata lentamente dentro di me. Doveva trattarsi all’inizio di un taccuino di pensieri. Successivamente, il contatto con le tante adolescenti incontrate nelle classi in cui ho insegnato, mi ha dato l’input necessario per dare una forma narrativa coerente a quanto rischiava di restare affresco incompiuto di emozioni descritte appena. È da quelle ragazze che il cuore del mio libro ha preso forma.

Quanto c’è di te nelle pagine della tua opera?

All’inizio del romanzo riconosco che c’è molto di me. In fondo quando si scrive si trae sempre ispirazione dalla vita, e dalla propria in particolare. Poi le tracce di chi scrive si perdono nel prosieguo della narrazione e l’immaginazione prende il sopravvento. Situazioni inventate s’intrecciano a situazioni vissute e si intesse così una trama di azioni e sensazioni dietro la quale chi narra vorrebbe sempre nascondersi per non farsi riconoscere.

Cos’hai provato nel vederla pubblicata? Cosa ti ha dato?

Ho provato una immediata soddisfazione nel vedere il mio testo così finemente rilegato, pronto per essere consegnato al pubblico. Lì per lì non avrei mai pensato di stampare questo tipo di libro – genere psicologico-intimistico – ed è stata una scommessa sottoporlo all’attenzione dell’editore. Il riscontro positivo della Valletta Edizioni mi ha dato l’energia necessaria e il coraggio di ‘venire allo scoperto’. Il tutto si è rivelato un’avventura davvero interessante.

Progetti per il futuro? Hai altri manoscritti nel cassetto?

Sto attualmente dedicandomi alla stesura di un secondo romanzo. È un genere diverso ma comunque sempre attento alle cangianti sfumature della vita interiore.


Article Categories:
Interviste

Articoli Collegati


Articoli Popolari

Leave a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Menu Title